Edizioni Lassù gli Ultimi | La Storia – Lassù gli ultimi
15868
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15868,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

La casa editrice

Il 23 giugno 1989 nascono le “Edizioni Lassù gli ultimi”, nome ereditato dal libro forse più conosciuto di Gianfranco Bini, che documentò gli aspetti della cultura contadina “vecchia maniera” prima che le nuove tecnologie la consegnassero alla storia.

Il primo libro di Gianfranco Bini fu “Ayas”, editato in prima edizione dalla “Società guide Champoluc – Ayas”, in seconda dalle “Edizioni Virginia”, che editeranno altri volumi di Gianfranco Bini. Dopo una breve esperienza che darà vita alla “Musumeci – Bini Editori”, Gianfranco aprirà Il 23 giugno 1989 le “Edizioni Lassù gli ultimi” con Giuseppe Simonetti.

“Ayas”, pubblicato nel novembre 1968, racconta gli aspetti della Valle dalla quale prende il nome. I paesaggi, le tradizioni, la cultura contadina, l’alpinismo di quegli anni rivivono nelle sue pagine rendendoci l’immagine di un mondo che sembra, oggi,  così poco probabile.

Da quell’esperienza nascerà, nel 1972, la prima edizione del volume “Lassù gli ultimi”.

L’attività della Casa Editrice si svolge a Biella, in via Orfanotrofio 35. Quel luogo si è trasformato negli anni in un vero museo, oltre che sede operativa.

“Fotografie alle pareti, quadri e libri trasudano odore di storia… il mondo che ho lasciato fuori non me lo ricordo più”.

Racconta lo scrittore Marco Perino dopo una visita alla nostra sede.